Una rete di Ambasciatori del Territorio®

Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare. (Federico Fellini)

Il Paese più bello del mondo, il nostro, è fermo da anni nella crescita economica sia per fattori esogeni, la crisi mondiale di sistema, sia endogena per l’incapacità cronica di definire cosa siamo, chi siamo e soprattutto cosa vogliamo essere. Certamente le politiche governative degli ultimi 30 anni non ci hanno aiutato con politiche sterili, al limite del ridicolo, se non fosse che vengono attuate sulla pelle di noi tutti. I dati turistici del 2018 hanno dato un importante segnale da non sottovalutare; nonostante ci sia stato un 1,4% di presenze in più sul nostro territorio questo dato è da leggere in controtendenza rispetto agli anni precedenti dove il 2017 aveva chiuso con un incremento del 4,4%. I fattori sono da ricercare anche con la ripartenza dei competitor mediterranei per le località balneari con flussi turistici che cercano un nuovo riposizionamento, evidenziando, una strutturale debolezza italiana che non riesce ad essere efficacemente attrattiva. L’attrattività del nostro Paese è scandalosamente bassa, se confrontato con Francia o Spagna, a fronte delle nostre città d’arte, dei nostri siti UNESCO, della meraviglie dei nostri borghi. Manca un sistematico approccio sia alla gestione della Governance sia al Marketing di Destinazione che in Italia si cerca di fare da circa un decennio mentre in Spagna è da 60 anni che impera lo slogan “Spain is different” a sottolineare il “tutto da scoprire”. Nell’Italia degli annunci, nell’Italia delle speranze frustrate siamo ancora alla ricerca degli attori che devono dare un impulso e una guida alla trasformazione del turismo in vera industria. Ambasciatori del Territorio®, nel suo divenire, cerca di mettere un suo piccolissimo tassello all’opera di costruzione di un modello che sia nel contempo strumento per gli operatori economici e riferimento per agganciare flussi turistici che devono basarsi su una precisa impostazione di dati storici, analisi SWOT, contribuzione agli obbiettivi, segmentazione dei cluster di esperienze di viaggio e motivazioni della domanda differenti per varie destinazioni. Il moderno viaggiatore ricerca esperienze che sono diverse a seconda della tipologia dal turismo delle città d’arte, alla vita notturna, dalle vacanze studio, allo shopping made in Italy. Il Turismo deve essere dotato di ali per potersi librare in alto comprendendo e accogliendo le mutate esigenze dei viaggiatori che si sono trasformati da consumatori a consum-attori. Ambasciatori del Territorio® è valorizzazione dell’offerta turistica. Con la dicitura “valorizzazione dell’offerta turistica” intendiamo un innovativo modo di concepire quest’ultima: offrire ESPERIENZE TURISTICHE, dare importanza all’ACCOGLIENZA, far sperimentare all’ospite TUTTI i SENSI della sua vacanza. Il prodotto turistico italiano è variegato ed offre letture ed interpretazioni diverse a seconda della tipologia ma anche della localizzazione geografica. Essere innovativo nel nostro Paese significa misurare le prestazioni di Enti, aziende, operatori turistici in termini scientifici con dati che possono garantire affidabilità, replicabilità ed esaustività attingendo alle esperienze dell’Analisi Sensoriale applicata ai servizi. Una sperimentazione sul campo è stata fatta mettendo insieme, attorno ad un progetto, ASSENSO Associazione Nazionale di Analisi Sensoriale, Confcommercio Pordenone, Ambasciatori del Territorio® e Università di Udine per misurare l’attrattività di Pordenone ad ospitare un evento nazionale con un video concorso; progetto che mira alla valorizzazione dell’offerta turistica dei territori italiani promuovendo gli stessi, anche, attraverso una presentazione video musicale, realizzata da giovani singoli artisti e gruppi musicali per soddisfare l’esigenza di promuovere il territorio di appartenenza. Si sono avute circa 40 adesioni di artisti che hanno inviati i propri lavori e Sabato 11 maggio, presso la sala Ellero di Palazzo Badini a Pordenone, sono stati premiati i vincitori del concorso. La giornata di premiazione è stata il momento conclusivo di un percorso che ha visto la partecipazione di artisti da tutta Italia che sono arrivati a Pordenone per scoprire insieme a noi i vincitori del concorso. Di fatto almeno 60 persone erano presenti all’evento, e di questi una buona parte ha soggiornato almeno una notte a Pordenone con beneficio di hotel e ristoranti.

I vincitori sono stati premiati da una commissione con varie competenze specifiche per giudicare i video composta da Pietro Aloisio, Sergio Lucchetta, Alberto Cancian e Federico Aloisio. Il 1° premio di questa prima edizione è stato assegnato a Arabus Crew che con il brano Balla con Me, riportano le suggestioni dei panorami sardi accompagnate dai dettagli gastronomici e non solo che completano la descrizione dei territori. La Società Filarmonica Chiusina di Chiusa di San Michele in provincia di Torino si aggiudica il 2° premio. Il 3° premio è andato a I piccoli Accordi della Scuola Primaria Ippolito Nievo di Premariacco in provincia di Udine. Citando Seneca “Nessun vento è favorevole per il marinaio che non sa a quale porto vuol approdare”.

Pietro Aloisio